Marineo, il commosso ricordo di Irene

irene oliveri

…. Ninna nanna ninna o, stu figghiuzzu s’addurmintò, e s’insonna l’anciuleddu dormi dormi figghiu beddu ...

“Raccontare una storia davanti ad un pubblico che ti ascolta parola per parola è stato bello ed emozionante… più di tutto divertente!” (Irene Oliveri) – 

  • A Irene, dai tuoi fratelli

Cara Irene,
pensavamo che avremmo avuto la possibilità di condividere ancora tanti altri momenti insieme, ma dobbiamo accontentarci di questi anni che la vita ci ha regalato e che per fortuna abbiamo vissuto molto intensamente.

Se dovessimo descriverti, una parola sola non basterebbe perché eri un vortice di energia positiva, un vulcano di idee, determinata, forte, caparbia, dinamica, solare, allegra, gentile, disponibile con tutti, profondamente buona, incapace di serbare rancore, creativa, capace di riconoscere le risorse e di valorizzarle creando bellezza attorno a te.

Nella tua vita, breve ma intensa, ciò che ti ha particolarmente contraddistinto è il continuo desiderio di esplorare aree nuove del mondo e di te stessa con l’esigenza forte di individuare connessioni tra le cose creando sinergie. Ed è proprio a partire da questa esigenza che hai costruito, passo dopo passo, il tuo percorso di vita.

Una vita piena di interessi: dal violino al pianoforte, alla pallavolo, agli scout, all’organizzazione di attività culturali nel territorio come Iuvenes, la mostra dei quattro elementi, variazioni cromatiche, il palo dei santi Patroni, manifestazioni al Castello, Godranopoli e il progetto Carbone con le tue colleghe di InSitu Valeria e Paola.

L’esigenza di conoscere e di fare esperienze nuove ti ha spinto ad uscire per creare nuovi stimoli, viaggiando e partecipando per esempio a diversi progetti europei di mobilità come Creativity in Spagna o il progetto Leonardo in Portogallo.

Anche nell’ambito dei tuoi studi la tua sete di ricerca non si è mai esaurita: dopo la laurea in storia dell’arte e l’abilitazione all’insegnamento, comincia infatti a farsi spazio dentro di te un nuovo sguardo sul territorio e inizi così ad approfondire la conoscenza di un nuovo ambito: quello del turismo culturale che ti porterà in un primo momento a Siracusa al Master della Garrone, dove inizierà a prendere forma nella tua mente quello che sarà il tuo grande progetto, e in un secondo momento a Torino al Master della Fitzcarraldo per perfezionare le tue competenze nell’ambito della progettazione e gestione di eventi culturali.

Dal momento che eri poco impegnata, hai anche creato insieme a Paola un progetto di turismo culturale per bambini e ragazzi che ormai tutti conoscono, Narrabosco, e nel frattempo, dopo lunghi studi, hai anche conseguito il patentino di guida turistica.

A giugno dello scorso anno il tuo cuore era pieno di gioia perché da poco avevi appreso la notizia di essere stata selezionata come mediatore a Manifesta, biennale europea di arte contemporanea, esperienza purtroppo interrotta dall’improvvisa comparsa della malattia che ti ha precluso la possibilità di partecipare al concorso docenti 2018 e di realizzare anche altri progetti già approvati come “Marineo apre le porte” con il Don Colletto, o in corso d’opera come la curatela della mostra su Giusto Sucato a Palazzo Sant’Elia con il tuo professore di storia dell’arte Sergio Troisi.
Ma soprattutto ti ha impedito di avviare quel progetto ambizioso che aveva già preso forma da tempo nella tua mente in cui avresti finalmente messo insieme tutte le tessere del puzzle.
Un progetto che sarebbe nato dalla collaborazione con le tue sorelle e che avrebbe connesso tre aree disciplinari diverse, tra loro complementari col fine di valorizzare il territorio sotto il profilo culturale, turistico e artistico, mettendo in rete realtà e risorse umane diverse per creare bellezza, d’altronde proprio questo era il tuo punto di forza!

Gli ultimi sette mesi sono stati veramente intensi, segnati dal dolore, dall’angoscia, dalle preoccupazioni, dalla rabbia, dalla ricerca continua di soluzioni e alternative, da scelte sofferte e vittorie momentanee.
Sono stati mesi in cui non hai mai smesso di lottare, anche nei momenti più tragici, con la determinazione che ti contraddistingue e che ti ha accompagnato fino all’ultimo momento.

Solitamente nella sofferenza della malattia si amplificano i tratti più spigolosi della personalità, paradossalmente invece in te abbiamo notato l’amplificarsi di una dolcezza, di una gentilezza e di una eleganza nobile accompagnate dalla capacità di vivere con estrema dignità anche questo momento di profondo dolore.

Nei giorni passati insieme ci siamo imbattuti in una poesia di Henley che ci ripetevamo ogni qualvolta ci fosse un nuovo scoglio da superare; la poesia si intitola INVICTUS, invincibile.

“Dal profondo della notte che mi avvolge,
Nera come un pozzo da un polo all’altro
Ringrazio qualunque dio ci sia
Per la mia anima invincibile.

Nella stretta morsa delle circostanze
Non mi sono tirato indietro né ho gridato.
Sotto i colpi avversi della sorte
Il mio capo sanguina ma non si china.

Oltre questo luogo di rabbia e lacrime
Incombe solo l’orrore della fine.
Eppure la minaccia degli anni
Mi trova, e mi troverà, senza paura.

Non importa quanto sia stretta la porta,
Quanto impietosa la vita,
Io sono il padrone del mio destino:
Io sono il capitano della mia anima”.

Patrizia, Ciro e Silvana

Annunci
Comments
2 Responses to “Marineo, il commosso ricordo di Irene”
  1. Nino Pepe ha detto:

    In questi giorni siamo troppo vicini per pensare ad altro che alla dolorosa scomparsa di Irene. Soltanto fra un pò di tempo realizzeremo di quale meravigliosa persona saremo costretti a fare a meno, e quanto grande sarà il vuoto che la sua “partenza” ci ha lasciato.
    La realizzazione del progetto di cui si parla nel ricordo dei fratelli di Irene sarebbe una cosa bellissima.

    Mi piace

  2. Lillo ha detto:

    Irene, era una persona unica, di quelle persone che chi ha avuto la fortuna di incrociarne il cammino, debba ritenersi un privilegiato….poteva sembrare piccolina di statura, ma era al contempo un gigante, che sapeva ascoltare e capire tutti. Un’anima pura, solare e piena di vita. Un Angelo tra di noi, che ha dedicato la sua vita agli altri. Impossibile non amarLa, impossibile dimenticarLa. Lei lascerà per sempre un ricordo indelebile, sia della sua personalità unica, sia del suo sorriso che portava in se l’arcobaleno! Mancherà per tutta la vita, a chi l’ha sempre portata nel cuore sin dai tempi del liceo.” Fa buon viaggio lassù dolcissimo Angelo, e mandaci un sorriso che riporti la luce che era in te, a tutti noi rimasti quaggiù, svuotati e ancora increduli!!”.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: