Marineo dà l’ultimo saluto a Vincenzo

Jpeg

Marineo – Tutta la comunita di Marineo si è stretta attorno ai familiari di Vincenzo Liuzza, il bambino marinese di 10 anni, sottoposto ad un delicato intervento chirurgico all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze e deceduto la vigilia di Ognissanti dopo alcuni mesi di speranze e di lotta contro il male che lo ha colpito.

Già all’arrivo del feretro nella Chiesa Madre c’è stato un viavai di persone che hanno voluto onorare il piccolo Vincenzo con tanti fiori bianchi che hanno circondato la bara. Il Parroco Don Matteo Ingrassia, insieme con Don Pino Graziano parroco di Bolognetta ha concelebrato i funerali  focalizzando il fatto che Vincenzo è diventato un simbolo per la nostra comunità facendo sperimentare a tutti il valore della solidarietà.

Tante le testimonianze che hanno ricordato la figura di Vincenzo, tra cui non possono non citarsi i compagni della IV B che hanno voluto leggere un pensiero dal titolo: Il Destino di un Guerriero….” Anche le maestre Annita Lo Piccolo, Carmelina D’Amato hanno messo in evidenza le qualità di Vincenzo e il suo coraggio indomito. Sono state lette  alcune testimonianze di affetto delle insegnanti che sono state accanto a Vincenzo durante la sua permanenza presso l’ospedale fiorentino ed inoltre una poesia di Marisa Palermo è stata a lui dedicata in chiesa.

Anche la comunità di Montelupo Fiorentino si è associata al dolore della famiglia di Vincenzo mostrandosi accogliente e generosa e come scrive il giornale online Gowes  “non sono bastate il cuore,  le preghiere e il sostegno di un’intera comunità” e nei mesi scorsi si è assistita ad una mobilitazione spontanea, cui ha partecipato anche il sindaco di Montelupo,  Masetti, per sostenere il piccolo Vincenzo nella sua terribile malattia.

All’uscita dalla Chiesa un calorosissimo applauso a Vincenzo e il volo dei palloncini bianchi verso il cielo, ha testimoniato il dolore ed il pianto della comunità marinese.

 

La testimonianza dei compagni di classe della IV B

Il destino di un guerriero… Ogni guerriero ha il proprio destino

C’era una volta un bambino che come tutti noi amava scherzare, giocare, sorridere e fare tutte le cose che i bambini fanno.

A soli 4 anni però, è stato chiamato a combattere la sua prima battaglia, una battaglia contro un mostro pericoloso.

Tutti  rimasero basiti nel sentire questa terribile notizia, lo credevano troppo piccolo e indifeso per affrontare questa dura battaglia, ma lui ha stupito tutti e in diversi anni di lotte ne è  spesso uscito vincitore,  grazie anche alla sua famiglia che non ha mai smesso di sostenerlo, fu così che sconfisse il primo mostro.

Stava per tornare da vincitore a casa e noi tutti lo aspettavamo ed eravamo pronti ad accoglierlo, quando, un altro terribile mostro lo ha attaccato alle spalle e lui, che ormai credeva di aver concluso le sue battaglie, trovandosi spiazzato, sta volta non ha potuto difendersi come voleva.

Ma un esercito di angeli è arrivato in suo aiuto a sorreggerlo e lo ha portato sù, sempre più sù, fino al trono dell’Altissimo, laddove più nessuno lo avrebbe fatto soffrire.

Adesso siamo sicuri che sta bene e che riceve continue ricompense per tutte le sofferenze che ha vissuto su questa Terra.

Vincenzo, siamo noi compagni della 4 B a darti il  nostro ultimo saluto, ci piace pensarti così, come un piccolo grande guerriero nel testo di una fiaba e come tutte le fiabe , anche questa ha un lieto fine, anche se non quello che effettivamente avremmo voluto, perché sappiamo che Gesù ti ha accolto tra le sue braccia in Paradiso e non ti farà mai più soffrire.

Sappiamo anche che la tua famiglia riceverà la serenità e la consolazione che merita e che tu rimarrai sempre nel cuore di ciascuno di noi “Guerriero Vincenzo”, sarai sempre il nostro Angelo Custode e quando volgeremo lo sguardo al cielo ci ricorderemo sempre del nostro amico dallo splendido sorriso.

Ti abbiamo voluto bene e te ne vorremo per sempre. Un bacio al cielo da tutti noi.

Anche noi genitori vogliamo unirci al pensiero dei nostri bimbi verso Vincenzo e verso la sua famiglia.

Grazie Annarita per averci reso partecipi di ogni avvenimento buono o meno buono, di averci permesso di starvi vicini.

Sei veramente una mamma coraggio, una donna forte, che insieme al suo guerriero ha lottato con le unghia e con i denti e che mai si è lasciata scoraggiare. Adesso che Vincenzo è diventato un Angelo del Signore, sappi che noi continueremo, se tu lo vorrai, ad esserci ed a sostenerti. Ti Vogliamo Bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: