La cultura come strumento di sviluppo e dialogo, conservazione a valorizzazione dei luoghi Santi.

conferenza

Interessante conferenza quella che si è svolta a Palermo, a palazzo Ajutamicristo, lo scorso 17 aprile, dal tema: La cultura come strumento di sviluppo e dialogo Conservazione a valorizzazione dei luoghi Santi. Qui una riflessione dal titolo significativo, A CASA DI DIO, di Růžena Růžičková, tratta da “il Guglielmo”. (foto di Onofrio Sanicola)

Dopo le parole conclusive di Giuseppe Ingui con le quali si è dichiarato privilegiato nel poter toccare i mosaici di tale valore cristiano, dichiarando che quando  finiva il suo lavoro era come concludere una preghiera, prese la parola la dott. Carla Benelli descrivendoci in modo molto interessante i loro lavori sulla tomba di Giovan Battista nell’antica Samaria oggi in arabo Sebaste. Dal conosciutissimo racconto biblico sulla morte del profeta (anche per i mussulmani) sappiamo che è stato decapitato per il desiderio di Salomé ma non sapevamo che il suo corpo  è stato messo in salvo dai discepoli di Gesù. I suoi resti nella tomba hanno subito varie peripezie, incendi  e distruzioni e oggi si conservano solo alcune ossa di Giovan Battista a Gerusalemme. Ma la tomba è l’oggetto di ricerche archeologiche non solo cristiane ma anche mussulmane. Come ha spiegato il relatore successivo prof. Osama Hamdan, la cui cura dei beni culturali unisce le varie religioni presenti nel luogo. Con molta naturalezza ha accennato alla difficile convivenza fra i Palestinesi  e Israele che si manifesta proprio in questo sito archeologico. Mentre tutto il sito archeologico si trova sul territorio palestinese solo la tomba di Giovan Battista appartiene a Israele. Ha spiegato con molta passione l’impegno di coinvolgere in ogni progetto i giovani, trasformandolo in scuola di formazione, per creare maggior numero di specialisti locali. Inoltre prestano molta attenzione ai bambini, portando le scolaresche a visitare il sito archeologico e creando le guide scritte e disegnate per loro.

Il secondo sito archeologico descritto era la tomba di Lazzaro in Betania, oggi Lazaria. La tomba si trova in una moschea ma la perfetta collaborazione fra i mussulmani e i cristiani, i francescani precisamente, è possibile visitarla per tutti. Un buon esempio come la cultura unisce le religioni.

In questo territorio esiste anche una collaborazione con le donne locali che producono l’olio simile a quello che ha usato Maria, la sorella di Lazzaro, per lavare i piedi di Gesù. Diventato poi uno dei prodotti dell’artigianato locale.

L’ultimo argomento presentato è stato il Santo Sepolcro sul quale Costantino ha fatto costruire una chiesa bizantina che è stata distrutta nel 1600 e ricostruita parzialmente dai crociati. Nell’attuale chiesa si trovano dei mosaici che sono stati parzialmente coperti dall’intonaco e che con il lavoro di restauro mostrano oggi i mosaici del Calvario parzialmente antichi e parzialmente moderni. E’ curioso che alcuni motivi di questi mosaici  li ritroviamo anche sui mosaici di Ravenna, il che dimostra che li ha fatti la stessa manovalanza bizantina.

Le ricerche archeologiche comuni ricordano la convivenza pacifica di tutte le religioni di una volta e dimostrano che la cultura vince contro le guerre di religione oltre a farci ammirare le opere di rara bellezza.                  Růžena Růžičková

norman

000a

euronic city misilmeri bolognetta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: