“Sulle rive di Cefiso” il docu-film di Totus Tuzzolino

SULLE RIVE DI CEFISO

Nino Di Sclafani –

Quella offerta da Totus Tuzzolino, con la presentazione del suo docu-film, è una vera prova d’artista. Anche la cinematografia, infatti, è un’arte che richiede adeguate conoscenze tecniche, ispirazioni ed intuizioni che portano all’opera finita e fruibile. “Sulle rive di Cefiso” rappresenta un punto di maturità tecnica, in particolare per la fotografia, resa accattivante dall’uso del macro, che ci ha svelato quel microcosmo di vitalità irrefrenabile che abita il sottobosco di Ficuzza.

Parlare di documentario è però assai riduttivo. Non è accettabile per Totus che un suo lavoro non promuova un messaggio e che, dunque, l’opera d’arte così concepita, non assolva anche ad una funzione educativa. Ecco che alla moltitudine dei piccoli abitanti di quel mondo fatato si aggiungono i personaggi del mito. Le stagioni divengono ubertose fanciulle che si muovono nel nuvoloso mattino, negli infocati meriggi, nell’esplosione di profumi e colori così come nel brumoso ed umido sottobosco autunnale. Tali figure allegoriche fanno corona ad un recalcitrante Narciso che estasiato di sé, continua a rimirarsi nelle acque di un lago, indifferente alla bellezza che lo circonda, refrattario al respiro di una natura che con i suoi cicli di vita-morte-vita scandisce  i tempi del creato e dell’uomo, anche quando questi è troppo occupato a compiacersi  della sua grandezza ed onnipotenza. Dimentica, l’Adam,  i suoi contati giorni, di essere in balia di fragili equilibri con una sorte non dissimile all’ultimo microscopico essere di quel mondo celato di cui, forse, non conosce l’esistenza.

Avere contezza di tutta quella vita che nasce, si nutre, si riproduce e muore, induce all’orrore quando all’avanzare delle fiamme di un incendio boschivo, immaginiamo quelle indifese creature soccombere alla brutalità dell’uomo. Per buona sorte, però, ci sono altri uomini, a cui il film rende omaggio, che rischiano la propria vita per difendere il respiro vitale del bosco consapevoli che senza quegli alberi e tutti gli esseri che li popolano la nostra esistenza sarebbe più povera.

VISUALIZZA TRAILER 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: