Chi combatte la mafia?

nave della legalità

La nave della legalità

A “Porta a Porta” una operazione di marketing per pubblicizzare il libro del figlio del capo dei capi di cosa nostra.

Considerato che al giornalista conduttore della trasmissione Bruno Vespa  gli è stato conferito il Premio Internazionale “Città di Marineo” propongo all’amministrazione comunale, alla giuria del premio, di revocare tale riconoscimento e che lo stesso non sia più elencato nell’albo d’oro dei premi assegnati.

Una scelta scellerata quella della Rai e del suo conduttore Vespa. La società civile, i giovani in particolare, aveva raggiunto un elevato senso del dovere, di legalità, di giustizia, rompendo quel silenzio “omertoso”, quel silenzio tante volte denunciato in passato dai media quando si recavano nelle località ad alta intensità mafiosa per fare informazione. Grazie a manifestazioni contro lo strapotere mafioso, (come la nave della legalità) grazie alla scuola, grazie alle istituzioni sane, quel silenzio si è trasformato pian piano in VOCE e SETE DI GIUSTIZIA che ha contribuito a formare e far crescere molti giovani con sani principi morali.

Ieri, con la messa in onda della nota trasmissione RAI “Porta a Porta”, in cui è intervenuto il figlio del capo dei capi, è stato mortificato e reso vano quel minuzioso lavoro “profumo” di legalità, dall’assurda irresponsabilità di chi tiene più allo scoop, all’audience e al marketing. Dopo tante trasmissioni contro la mafia, non aver mai immaginato che il servizio pubblico RAI avrebbe favorito il sistema mafioso. È VERGOGNOSO!!!

VESPA ha dichiarato che  “per combattere la mafia bisogna conoscerla“. Io dico a Vespa che purtroppo sono tante le persone, le famiglie che hanno “conosciuto” la mafia da vicin a costo della propria vita, o di quella di un proprio caro. Veda sig. Vespa, anche i Padri di chi è rimasto orfano per volere della mafia sono stati  premurosi nei confronti dei propri figli, gli hanno insegnato, con l’ esempio e non con le parole, ad essere corretto, a praticare buone prassi di onestà, ad essere servitore dello stato, ad rispettoso nei confronti degli altri, in poche parole il rapporto padre-figlio di una normale famiglia perbene ed onesta che purtroppo per lei e per i media non fa notizia,  non fa audience. Avevo stima di lei (con la l minuscola) mi ha deluso!

Annunci
Comments
One Response to “Chi combatte la mafia?”
  1. Ciro Guastella ha detto:

    Non ci illudiamo Pino! Considerato che al giornalista conduttore della trasmissione Bruno Vespa è stato conferito il Premio Internazionale “Città di Marineo” ritengo assolutamente impossibile che questa amministrazione comunale e la giuria del premio, vorranno revocare il riconoscimento dato a Vespa e rimosso dall’elenco dell’albo d’oro. Se il contrario dovesse avvenire, allora il “Premio di Poesia di Marineo” assumerebbe piu’ prestigio di quanto si vanta gia’ di averne!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: