Marineo, celebrata ricorrenza della festa dell’unità nazionale e delle Forze Armate

????????????????????????????????????

Marineo Oggi l’amministrazione comunale in presenza delle autorità civili, militari, religiose e sopratutto degli alunni e maestre dell’i.c. di Marineo-Boilognetta, ha celebrato la ricorrenza del 4 novembre, festa dell’unità nazionale e delle forze armate. Di seguito il discorso del Sindaco dott. Pietro Barbaccia. 

Cari concittadini, autorità civili, militari e religiose presenti, Forze dell’ordine, Comandante della stazione dei carabinieri, Francesco Di Maio,  carabinieri e  vigili urbani, parroco di Marineo Leoluca Pasqua,  rappresentanti delle associazioni, a tutti i presenti un caloroso saluto e un ringraziamento, da parte mia e dell’amministrazione Comunale tutta,  per essere  intervenuti, oggi, davanti al monumento dei caduti, in occasione della ricorrenza del 4 Novembre per la commemorazione dei caduti della I° guerra mondiale,  per la celebrazione della Festa delle Forze Armate e  dell’Unita’ d’Italia. Un grazie particolare, va al Dirigente scolastico ed agli insegnanti delle scuole di Marineo, noncchè agli alunni delle suddette scuole che hanno accolto l’invito di partecipare a questo evento  commemorativo. La ricorrenza del 4 Novembre assume un significato molto importante per la storia della nostra Patria. E’ la data dell’armistizio che pose fine alla guerra fra l’Italia e l’Austria, ed alla  prima guerra mondiale, che lasciò sul campo ben otto milioni e mezzo di morti di cui 630 mila Italiani e oltre un milione di mutilati e feriti.

E’ dovere della comunità  Marinese rendere un reverente omaggio a tutti coloro che hanno offerto la propria vita per questi nobili ideali e trasmettere alle nuove generazioni  il valore di una così alta testimonianza. La nostra comunità di Marineo, in questo giorno, onora i propri concittadini che sacrificarono le loro giovani vite per contribuire a questo alto ideale. Con loro, si ricordano anche i tanti altri giovani che persero la vita nell’altrettanto dolorosa e terrificante seconda guerra mondiale.

In questa importante ricorrenza, non possiamo non ricordare il sacrificio dei nostri connazionali caduti per mano delle mafie e dei terroristi, per affermare i valori del rispetto delle istituzioni e della legalità.

Il significato piu’ profondo di essere oggi qui in questa piazza e’ quello di prendere coscienza delle conseguenze che potrebbe avere un conflitto mondiale, per ribadire l’assoluta necessità di lavorare tutti assieme per promuovere, la pace e non la  guerra, la solidarietà al posto della violenza, l’amore invece dell’odio, la vita contro la morte.

La ricorrenza del 4 Novembre ha il mandato di ricordare ai governanti delle nazioni di tutto il mondo di adoperarsi per porre fine, nel più breve tempo possibile, alla situazione drammatica dei nostri giorni in cui tanti popoli ancora oggi vivono in una situazione di estremo disagio economico, di persecuzione, di guerre e di profughi in terra straniera. Ma soprattutto che finisca al più presto la tragedia delle vittime dei naufragi nel mare nostrum e che i luoghi  da cui loro provengono, come un fiume in piena, trovino la consueta  pace e  serenità delle società civili, unite dai valori umani di fratellanza, di solidarietà e di giustizia.

 Cari concittadini, e amici di Marineo,  mi avvio a concludere, rivolgendomi direttamente ai ragazzi della scuola, qui presenti.

  La pace e’ un processo che parte direttamente dalla base popolare,  è la somma di comportamenti individuali, sintesi di sensibilità e passione, che ognuno di noi esprime nella vita  di ogni giorno.

E voi generazioni del futuro, non siete estranei a questo processo e lo potete e lo dovete alimentare e  rafforzare con il vostro agire di tutti i giorni.

 Ci sono comportamenti quotidiani che si nutrono di illegalità, furberie e soprusi da parte di individui che fondano la propria vita sull’egoismo sfrenato e sullo sfruttamento schiavistico di povera gente.

   I ragazzi della scuola di Marineo, che oggi, assieme a tutti noi,  festeggiano la commemorazione dei caduti della prima guerra mondiale, la celebrazione della festa delle Forze Armate e dell’Unità D’Italia, sono qui presenti per testimoniare che  la guerra porta solo distruzione, morte e disperazione.

La presenza dei ragazzi della scuola alla commemorazione del 4 Novembre è un avvenimento culturale reale che può cambiare le coscienze delle future generazioni per costruire tutti insieme un’Europa Unita e un Mondo Intero Unito, dove gli uomini di buona volontà costruiscono, giorno epr giorno,  una società sana per vivere  uniti nella pace, nell’armonia e nella condivisione dei valori  umani e civili.

Cari ragazzi,  dobbiamo promuovere lo sviluppo e dare lavoro a chi oggi vive nella disperazione. Dobbiamo dare più giustizia ed equità a tutti i  popoli della terra, incominciando dal nostro piccolo mondo in cui viviamo.

Sono certo che se sapremo fare questo, potremmo sperare in un mondo migliore in cui la pace è indispensabile e le guerre sono solo un lontano incubo da dimenticare, dove ognuno di noi ogni giorno lotta  a fianco delle Forze Armate e delle Forze dell’Ordine per tenere unita la nostra nazione ed aprire le porte della collaborazione a  tutte  le altre nazioni del mondo.

 Onore, quindi ai caduti per la patria, pietà e cordoglio per tutte le vittime della guerra, viva le Forze Armate strumento di pace e di collaborazione internazionale,  viva l’Italia unita.

                                                        Grazie a tutti per l’ascolto.  Il sindaco di Marineo Dott. Pietro Barbaccia

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: