Bolognetta: gli organizzatori dell’ “Open Trip Fest 2015” soddisfatti per questa 4^ edizione

Open Trip_00006

Tempo di bilanci per la quarta edizione di “Open Trip Fest” il festival di musica e arti di Bolognetta che lo scorso 1 maggio ha catalizzato l’attenzione di appassionatie non, protagonisti per un giorno del mondo culturale sul tema del riciclo,cooperazione e dell’arte dei suoni. Il festival ha attratto un pubblico numeroso emolto attento: oltre 7000 persone si sono riversate all’interno del parco urbano del paese (superando di oltre un migliaio le presenze dello scorso anno) per unagiornata all’insegna del sano divertimento. Un dato che conferma il gradimento del pubblico nei confronti della manifestazione che, di anno in anno, è cresciuta confermandosi come una delle proposte culturali più apprezzate a livello regionale. Straordinaria soprattutto la presenza dei giovani che hanno risposto con entusiasmonon solo alla parte ludica e artistica del festival, ma hanno partecipato con interessealle proposte trasmesse sui social e alla cura dell’ambiente. La manifestazione, checome ogni anno viene organizzata in concomitanza con la festa dedicata ai lavoratori, è stata realizzata dall’associazione Open trip, il Comune di Bolognettaed è stata organizzata con il prezioso contributo di volontari che si sono cimentati inabili costruttori e allestitori.Oltre 50 i protagonisti che hanno animato la giornata,tra artisti locali e internazionali: djs, cantanti, musicisti, fotografi, visual artist eperformer. Open Trip Fest è un festival no profit. Tutti gli eventi in cartellone eranoinfatti rigorosamente ad ingresso libero e sono stati realizzati con i fondi ricavatidalle attività di autofinanziamento dell’associazione. Il festival è gradito per la suaformula interdisciplinare che invita il pubblico a vivere e riscoprire un’area delpaese poco utilizzata, ad uscire dalle solitudini del web e lo accompagna a scopriremolteplici aspetti del tema proposto, quello del rispetto e della rivalutazionedell’ambiente soprattutto – spiega una volontaria -, offrendo una panoramica deirisultati di una passione, a partire da quella per la buona riuscita di un progetto finoa coinvolgere anche molteplici ambiti delle arti e della musica. Il festival è diventato una sorta di laboratorio sperimentale, dove i giovani, anche grazie ai social che pubblicizzano l’evento, si ritrovano per condividere sentimenti e progetti, e lo fanno apertamente, al di fuori delle scuole e degli ambienti chiusi,all’aria aperta, coinvolgendo tutte le generazioni. La quarta edizione ha confermato anche il valore della manifestazione quale fattore di attrazione per Bolognetta, paese piccolo ma con un grande potenziale: quello, appunto, dei giovani. Ed è proprio la sinergia dell’associazione Open trip, Comune e volontari adaver vinto la sfida lanciata 4 anni fa. Ma a ben vedere la sfida l’hanno vinta soprattutto i bolognettesi che, con la loro generosa partecipazione, hanno dimostratodi meritare pienamente il festival e l’impegno degli organizzatori.

L’ Open Trip Fest è stato realizzato con il lavoro e la dedizione di una ventina divolontari dell’associazione Open Trip, che si incontrano e collaborano per oltre sei mesi con lo scopo di offrire un’ esperienza unica, cercando di migliorare l’eventocon le proprie forze e con i pochi mezzi economici a disposizione. L’organizzazionedel festival è di per sé un’ esperienza per le persone coinvolte, essendo un’occasione, per molti giovani di Bolognetta e delle zone limitrofe, di incontrarsi,confrontasi e mettere in gioco le capacità e le risorse personali, nella concreta realizzazione del festival, che richiede non solo una attenta e meticolosa organizzazione ma anche una notevole componente di abilità e lavoro manuale. I volontari, infatti, si occupano della realizzazione del festival nei minimi dettagli: dalla concreta costruzione delle attrezzature dell’area ristoro, all’ allestimento dellearee e alla sapiente realizzazione artistica degli elementi scenografici.

Sono tanti i messaggi di apprezzamento arrivati da parte dei partecipanti e degliartisti ospiti. Alcuni messaggi postati in Facebook: “Complimenti! Bravi voi chedivulgate questo intreccio armonioso di musica, arte e cultura in una magnificacornice”. “Grazie della meravigliosa esperienza!!!”,“Infinitamente grazie a voi”,“Mille grazie agli organizzatori per questa meravigliosa giornata’. Messaggi distima sono giunti anche via mail: “Vi sono infinitamente grata per l’arricchimento che mi avete offerto durante tutta la giornata. Ogni complimento credo siainsufficiente per esprimere la mia gratitudine”.

Pertanto l’associazione Open Trip ritiene che sia veramente riduttivo e fuorviante ilmodo in cui alcune testate giornalistiche hanno descritto la giornata del 1 Maggio a Bolognetta, riportando esclusivamente gli episodi di arresto e tacendo su tutto ciò che di bello e propositivo è stato realizzato prima e durante il festival.

L’organizzazione rivolge un enorme ringraziamento alle forze dell’ordine chehanno garantito la sicurezza dell’evento ed hanno vigilato su ognuno di noi, unplauso va a loro per aver arrestato dei soggetti che non erano là per divertirsi, ma per rovinare la festa.

Grazie a tutti i volontari dell’associazione ed a tutti coloro che hanno lavorato perla buona riuscita di questo meraviglioso evento.      –            info tratta dal profilo facebook Open Trip fest 2015    

Visualizza Gallery fotografica

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: