Castello di Marineo: firmata la convenzione tra comune e soprintendenza

castello di marineo

di  Tommaso Salerno

Marineo – Nonostante si fosse temuto il peggio, con il fantasma “chiusura” che aleggiava prepotentemente dopo la scadenza della precedente convenzione e la decisione, da parte della Soprintendenza, di trasferire sei degli otto dipendenti ad altre sedi lavorative, sembra essere tornato il “sereno” sopra il Castello Beccadelli Bologna di Marineo. L’amministrazione Comunale locale e la Soprintendenza ai beni culturali e ambientali di Palermo hanno finalmente raggiunto l’intesa siglando, nella giornata di oggi, il nuovo accordo di cooperazione per la fruizione e la valorizzazione del Castello Beccadelli Bologna. La convenzione, di durata triennale, stabilisce che, sia la custodia che l’apertura al pubblico del Castello, spettino al Comune che dovrà far fronte a tale onere attraverso il personale dell’Amministrazione comunale; nei giorni di venerdì, sabato e domenica, sarà la Soprintendenza, con proprio personale, a curare l’apertura della struttura per lo svolgimento dell’attività programmata. Oltre a ciò, la convenzione prevede che il Comune di Marineo curi la manutenzione ordinaria (anche degli impianti, ivi compresa la pulizia e le utenze) per il regolare funzionamento del monumento, anche in occasione di manifestazioni cultuali ed espositive non permanenti, facendosi carico dei costi relativi alle utenze di gas, acqua e telefonia, della promozione e realizzazione di iniziative e manifestazioni di carattere culturale finalizzate alla fruizione ed alla valorizzazione dell’intero Castello e del circostante territorio della Valle dell’Eleuterio, secondo un programma calendarizzato (di norma trimestrale), da sottoporre alla valutazione della Soprintendenza. Per quel che concerne il museo archeologico regionale “della Valle dell’Eleuterio” ed il neonato museo etno-antropologico “collezione Salvatore Pulizzotto”, ubicati nei locali del Castello, l’accordo prevede l’attivazione, da parte dell’Amministrazione locale della gestione, custodia e fruizione delle collezioni sopra menzionate. L’intenzione dell’organo di governo marinese, ribadita in passato dall’assessore Ciro Spataro, di creare un polo socio-culturale e turistico per la promozione e lo sviluppo del territorio all’interno del Castello, è stata sancita direttamente nella convenzione che prevede la possibilità di utilizzare idonei spazi del monumento per il servizio di biblioteca e per eventuali usi istituzionali compatibili. Alla sottoscrizione dell’accordo erano presenti, oltre alla Soprintendente Maria Elena Volpes, anche il sindaco Pietro Barbaccia, il vicesindaco Antonino Greco e l’assessore alla cultura Ciro Spataro i quali hanno voluto sottolineare la volontà sia della Regione che del Comune di Marineo di valorizzare appieno il Castello ottenendo, dopo i lavori di restauro che sono in corso d’opera, altri spazi che possano far diventare il maniero un volano per una serie di iniziative di valorizzazione del territorio.

Annunci
Comments
2 Responses to “Castello di Marineo: firmata la convenzione tra comune e soprintendenza”
  1. ciro ha detto:

    onore all’amministrazione , quando si vuole le cose possono riuscire ,orgoglioso di essere marinese

    Mi piace

  2. il guardiano del faro ha detto:

    bene adesso per un pò di anni i lavoratori saranno felici di non doversi spostare nemmeno un pò per lavorare. Magari andavano a finire in qualche posto dove si lavorava sul serio. Non sia mai poverini.. Grazie veramente. Adesso anche le sedie del castello saranno nuovamente felici e riscaldate cosi come le mura magari spendendo altri 30 mila euro di utenze. Adesso si che l’unica stanza museo sarà nuovamente felice di controllare i 20 lavoratori perchè il contrario non è mai avvenuto. Magari questa volta sarà la stanza stessa ad istruire i lavoratori su quel che contiene. Finalmente riprendiamo a sperperare soldi cercando di trasformare questo monumento in una manciata di voti. Adesso si che è finalmente! Questo castello resterà per sempre l’unico sito storico che non produce ma distrugge. Grazie ancora

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: