Marineo torna a piangere

salvatore mastropaolo

Marineo torna a piangere. Salvatore Mastropaolo, 66 anni, è morto in seguito ad un tragico incidente occorsogli durante il lavoro. L’uomo, nel primo pomeriggio, stava risistemando alcune buche presenti in contrada Gorgaccio quando, secondo le prime ricostruzioni, la betoniera che conteneva il cemento da utilizzare, posteggiata in discesa, ha cominciato a muoversi dirigendosi verso una scarpata che dà sulle case sottostanti. Nel tentativo di evitare il disastro, Mastropaolo è corso verso il mezzo pesante al fine di bloccarne la folle discesa ma è rimasto schiacciato fra un’automobile posteggiata e la betoniera stessa che, dopo aver colpito la vettura, ha cambiato direzione, trascinando per qualche metro l’uomo e terminando la corsa contro il pilastro di un edificio. Secondo quanto appreso, il forte urto ha richiamato l’attenzione degli abitanti della zona che hanno, prontamente, avvisato il 118. Sul posto sono così intervenuti personale medico e paramedico nonché elisoccorso e forze dell’ordine: nulla da fare però, Mastropaolo non ce l’ha fatta. Il corpo dell’uomo è stato trasferito presso la camera mortuaria del cimitero di Marineo in attesa dell’arrivo del magistrato e del medico legale. Tremendo il dolore dei familiari e degli amici accorsi sul luogo dell’incidente; se ne va un grande lavoratore, da 40 anni alla guida di mezzi pesanti, esperto del mestiere; se ne va da eroe. Ciao Salvatore!

Marineo torna a piangere. Lacrime amare solcano il volto di una comunità che, nell’ultimo periodo, è stata colpita da una serie di tragici eventi concatenatisi l’uno dopo l’altro. Ultimo, in ordine cronologico, l’incidente mortale occorso a Salvatore Mastropaolo, strappato alla famiglia all’età di sessantasei anni. Ucciso da una delle sue più grandi passioni, da uno di quei mezzi pesanti che aveva “cavalcato” per tantissimi anni e che, in una folle corsa in discesa, lo ha presumibilmente colpito lasciandolo per terra, esanime. Un dramma straziante che ha colpito i cuori dei tanti marinesi (e non) che, anche per un semplice caffè insieme, avevano avuto la gioia conoscerlo, scambiando due piacevoli chiacchiere con una persona solare, simpatica e gioviale. E proprio per “Mastro Totò”, uomo dai sani valori, devoto alla famiglia, al lavoro e alla Madonna dei Dayna, lunedì pomeriggio il popolo marinese si è fermato, stringendosi in un caldo silenzio attorno ai familiari, distrutti dal dolore per una morte così inattesa quanto assurda. Una processione surreale verso quella Contrada Gorgaccio dove, per un’incredibile fatalità, Salvatore Mastropaolo ha perso la vita. Se n’è andato senza macchie sulla coscienza con l’ultimo disperato, coraggioso, quasi eroico tentativo di correre verso quella betoniera e cercare in qualche modo di fermarne l’avanzata che avrebbe potuto causare ingenti danni. Inutili, purtroppo, i tentativi dei medici e soccorritori del 118 che, per quasi mezz’ora, hanno fatto il possibile per cercare di rianimarlo. Nel tardo pomeriggio il trasporto presso la camera mortuaria del cimitero marinese dove, in attesa dell’arrivo del magistrato e del medico legale, una folla di amici e semplici conoscenti si sono stretti accanto al figlio Vincenzo. Ha toccato le corde del cuore l’arrivo dell’altra figlia, Rosalia che, trovandosi fuori dalla Sicilia, è tornata in fretta e furia una volta appresa la tragica notizia della dipartita del padre. In nottata, poi, il Magistrato ha ritenuto opportuno disporre l’ autopsia al fine di accertare la reale dinamica dei fatti. La salma di Mastropaolo è stata trasferita al reparto di medicina legale del policlinico di Palermo, dove, nei prossimi giorni, verrà eseguito l’esame richiesto. Solo allora Salvatore potrà tornare nella sua Marineo, che si prepara, col cuore distrutto, a salutarlo per l’ultimo volta. Tommaso Salerno

Annunci
Comments
6 Responses to “Marineo torna a piangere”
  1. Francesco Cangialosi ha detto:

    Ciao,Salvatore.Abbiamo lavorato per 10 anni insieme,posso dire che sei stato un amico onesto e sincero.Da non dimenticare sei stato un grande lavoratore,tutto per la famiglia.Solo ha sentire la notizia non ho avuto la forza di parlare.Tutte le volte che ci vedevamo mi chiedevi sempre di mia moglie,anche se tu avevi subito la grande perdita di tua moglie.Mi auguro che veramente esiste un paradiso per ora sei con lei.Darete sicuramente una grande forza ai vostri splendidi figli perchè per ora posso solo immaginare il dolore straziante nei loro cuori.Ti ricorderò sempre con tanto affetto.Ciao carissimo SALVATORE.

    Mi piace

  2. Marzia Daidone ha detto:

    ci ha lasciato una perla di persona, l’altruismo e le parole di consolazione e di affetto erano tipiche della sua personalità. Mastro Totò hai lasciato un vuoto incolmabile nei cuori di chi ti conosce, l’unica consolazione è saperti tra gli angeli del cielo

    Mi piace

  3. vito ha detto:

    Mastro toto, saputa la notizia il mio cuore si è rattristito, voglio ricordarti con il tuo sorriso e con la tua calma. Mi ricordo quando non ti ricordavi il mio nome e mi dicevi villafratisi… 😦 . sicuramente anche che hai lasciato un incolmabile vuoto a tutti quelli che ti conoscevamo adesso sarai in paradiso assieme a nostro signore gesù cristo. non ti dimenticherò mai…..

    Mi piace

  4. Anonimo ha detto:

    Ciao Salvatore,hai lasciato tutti senza parole,mi ricordo quando venivi nei nostri cantieri sempre attento alle manovre,simpatico e solare,ci hai lasciato un vuoto al cuore e un ricordo indimenticabile,un saluto grande va rivolto alla tua anima,che gli angeli ti proteggano nn ti dimenticheremo mai

    Mi piace

  5. Anonimo ha detto:

    Un grande uomo, un grande cristiano, …..onesto, grande lavoratore, che ha speso la vita per la propria famiglia.
    Un angelo cge in paradiso insieme alla sua Concetta proteggera i propri cari ai quali va tutto il mio cordoglio

    Mi piace

  6. Giuseppe ha detto:

    Caro Don Totò il destino crudele ha voluto tutto ciò ma io non scorderò mai che persona sei stato . La tua umiltà educazione e gentilezza sono note a tutti guida come solo tu sapevi fare il cammino dei tuoi figli ancora un bacio ti giunga in paradiso dove già ti trovi insieme alla tua amata moglie.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: