Sport Calcio: Marineo ad un passo dalla storia (video sintesi)

di Tommaso Salerno –

El Baad, Giuseppe Scrò e Li Castri liquidano la pratica Lascari; la Nuova Sancis (5-0 al Pro Villabate) resta a -2. 

La diciannovesima giornata del campionato di seconda categoria (girone b), offre un gustoso antipasto con l’Oratorio San Ciro e Giorgio di Marineo che ospita, al “Comunale” di Bolognetta, il Lascari. Gara dalle mille difficoltà per i primi della classe che devono fare a meno dello squalificato Totò Roma e di un Daniele Li Castri non al meglio che, precauzionalmente, si siede in panchina. Lascari che, in piena zona play-off, merita un particolare occhio di riguardo per la sua fama da ammazza – grandi: la formazione ospite ha battuto, infatti, Marineo, Nuova Sancis ed Aspranuova in un campionato giocato a livelli molto alti.

Per l’Oratorio San Ciro e Giorgio, 4-4-2 con Virga fra i pali, linea difensiva formata dai centrali Cangialosi e Bonanno con Cutrona e Di Marco terzini; a centrocampo, El Baad e T. Scrò a sostegno delle ali G. Scrò ed E. Sclafani; coppia d’attacco formata dal capitano Ignazio Sclafani e da Pellegrino. Ospiti che, invece, scendono in campo con Gugliuzza, Glorioso, La Mendola, Ikka, Frudà, Emanuele, Serraino, Ilardo, Verdone, Maranto e Misuraca. A dirigere l’incontro il signor Modica della sezione di Trapani.

Prima frazione di gara che si apre con i padroni subito pericolosi che provano a sfruttare molto gli esterni e che, proprio da un lancio lungo di Emilio Sclafani verso Giuseppe Scrò, ottengono un penalty per una spinta di Glorioso sull’ala marinese; dal dischetto si presenta Amine El Baad che, freddissimo, spiazza Gugliuzza e sigla il gol dell’1-0 dopo dieci minuti di gioco.

La rete, emotivamente parlando, serve molto di più al Lascari che, minuto dopo minuto, comincia l’arrembaggio verso il pareggio. Protagonista assoluto è Verdone che, prima, con un sinistro dal limite dell’area, sporcato da una deviazione, coglie la traversa, poi, al minuto numero 30, partito in posizione dubbia, raccoglie l’assist di Misuraca e conclude con un preciso diagonale destro che non lascia scampo all’incolpevole Virga.

Al 40’, su calcio di punizione dal vertice destro dell’area di rigore, Emilio Sclafani prova a pescare il jolly con un mancino velenoso che impegna il portiere ospite in un difficile intervento in tuffo.

L’occasione più ghiotta capita, però, al Lascari che, in pieno recupero “rischia” addirittura di passare in vantaggio: altro errore di piazzamento della difesa marinese con Misuraca che, partito in posizione regolare, arriva a tu per tu con Virga e sbaglia il dosaggio del “tocco sotto” alzando troppo la sfera.

Nella ripresa i padroni di casa si svegliano, trovando già all’ottavo minuto la rete del 2-1: lancio di Di Marco che trova in posizione regolare Giuseppe Scrò, controllo dell’esterno marinese che entra in area e trafigge Gugliuzza con un destro preciso.

Prende coraggio la formazione di mister Barbaccia che ci riprova, pochi minuti più tardi, con un bel inserimento di Tommaso Scrò che entra in area, imbeccato da Emilio Sclafani, e conclude di destro trovando l’intervento dell’estremo difensore ospite.

Fuori Pellegrino, I. Sclafani e G. Scrò, dentro Li Castri, Di Peri e Monticelli per un Marineo che deve difendersi dai tentativi del Lascari provando a sfruttare la velocità di “Lele” Li Castri nelle tante “praterie” che, fisiologicamente, si creano.

A dieci minuti dal termine, però, gela il sangue nelle vene dei marinesi: calcio di punizione dalla tre quarti di Ikka, spiovente pericoloso che trova la precisa incornata di Frudà e pallone che, indirizzato in rete, viene respinto in corner da un intervento prodigioso di Virga che salva letteralmente il risultato.

Il Lascari si scopre, come normale che sia, e il Marineo prova a sfruttare gli spazi in contropiede.

Al 90’, bagno di gioia per l’Oratorio San Ciro e Giorgio: il 3-1 nasce dai piedi di due nuovi entrati; cross dall’out di sinistra di Monticelli, conclusione di prima intenzione di Li Castri che manda in visibilio compagni e tifosi.

Calendario alla mano, per il Marineo di mister Barbaccia la prima categoria passava dal crocevia interno contro il Lascari; 3 punti contro la formazione (sulla carta) meno abbordabile del quartetto finale (completato da Villagrazia di Carini, Pro Villabate e Real Casale), avrebbero insaporito il pranzo domenicale dei marinesi con il dolce sapore della prima categoria messa in cassaforte. La vittoria, seppur con qualche patema di troppo, è arrivata; un 3-1 finale che ha fatto esplodere di gioia un “Comunale” come al solito pullulante di entusiasmo per una squadra che, in due stagioni, fra mille difficoltà, sta scrivendo la storia del calcio locale. Un monito, un messaggio chiaro e lampante per tutti, nessuno escluso: Marineo ha bisogno dell’Oratorio San Ciro e Giorgio, l’Oratorio San Ciro e Giorgio ha bisogno di Marineo.

virgaUOMO PARTITA MARINEO WEBLOG: FRANCESCO VIRGA

Quando si dice “una parata che ha valore di un gol”. Salva la squadra con una respinta che manda in estasi compagni e tifosi; nelle sue mani, in quei secondi, c’era racchiusa tutta Marineo. Roba da spellarsi le mani dagli applausi.

RISULTATI E CLASSIFICA 19 GIORNATA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: