Progetto “Genitori: la parola alle emozioni”

dalle parole alle emozioniISCRIZIONI ENTRO IL 26 MARZO 2014

a cura della Dr.ssa Patrizia Oliveri – Psicologa

“In genere pensiamo che i bambini abbiano bisogno di essere nutriti, riscaldati, seguiti, amati; ma ancora di più essi hanno bisogno di incontrare dei genitori, degli adulti interessati a dare un senso personale alla propria vita, che non si accontentano di una opaca sopravvivenza. Infatti il modo in cui trattiamo il dolore, lo soffriamo, oppure lo cacciamo via, evacuandolo, si trasmette ai nostri figli, attrezzandoli a vivere, oppure li lascia senza mezzi psichici per affrontare l’avventura della vita”. E. Gaburri, Pensare con Freud, 2012.

La qualità delle cure che il bambino riceve all’interno del proprio ambiente di accudimento è fondamentale per il suo sviluppo psichico e fisico: la mente umana e la capacità di pensare non si sviluppano infatti solo attraverso un processo maturativo interno, ma anche a partire dall’esterno, dalla mente di coloro che si prendono cura del bambino. Una mente che sia in grado di accogliere, contenere e trasformare quegli stati mentali a cui il bambino non riesce ancora a dare un nome.

La ripetizione nel tempo di questo tipo di esperienza è fondamentale affinché possa nascere nella mente uno spazio interno in cui le emozioni, i pensieri, le fantasie, le angosce possano trovare possibilità di contenimento e di rappresentazione. “Essere genitori” implica la capacità di entrare in contatto con le emozioni e i vissuti della propria esperienza di genitorialità interiorizzata nel corso delle prime interazioni con chi ha gestito la funzione di cura nell’infanzia, con i propri vissuti legati all’essere/essere stati figli, al sentirsi figli. Implica la capacità dinamica di “rivisitare” continuamente il proprio stile educativo, di riorganizzarsi in funzione dei cambiamenti che la vita comporta, di farsi delle domande, di riattraversare e risignificare le proprie paure. I genitori si prendono cura dei figli: ma chi si prende cura dei genitori?

Il Progetto “Genitori: la parola alle emozioni” è un percorso formativo di sostegno alla genitorialità in cui, promuovendo lo sviluppo della dimensione narrativa degli utenti, sarà possibile vivere il gruppo come ‘spazio’ di ascolto e di confronto dove poter condividere la propria storia e le proprie difficoltà sperimentate nella relazione con i figli e dove poter ripensare le proprie esigenze e rileggere i propri percorsi esistenziali. Si tratta di un progetto che mira a promuovere una riflessione sui propri stili educativi, sulle proprie modalità relazionali acquisite all’interno della propria famiglia d’origine e sulla rappresentazione del proprio ruolo genitoriale, ripercorrendo alcune principali tappe del ciclo di vita.

La dimensione gruppale prevista dal laboratorio consentirà di esplorare maggiormente i propri bisogni, di riflettere sui bisogni dei propri figli, di stimolare il riconoscimento delle proprie risorse come persone e come genitori, favorendo lo sviluppo di una maggiore conoscenza di sé.

Il percorso laboratoriale si rivolge a gruppi di genitori dei Comuni della provincia di Palermo e si articola in 10 incontri della durata di 2 ore ciascuno con cadenza settimanale che si terranno nel periodo compreso tra i mesi di aprile e giugno presso lo Studio di Psicologia sito in Via Pippo Rizzo, 5 Marineo (PA). Per maggiori informazioni e per iscriversi è possibile contattare il 328/4246563 nei seguenti giorni: martedì, mercoledì e giovedì (ore 10:00-13:00) entro il 26 marzo 2014.

Per ulteriori informazioni vi invito a visitare il seguente link: http://www.psicocitta.it/psicologi-psicoterapeuti/4155-dottssa-patrizia-oliveri.php

Annunci
Comments
One Response to “Progetto “Genitori: la parola alle emozioni””
  1. ail ha detto:

    Focus e il portale nostrofiglio.it hanno deciso di intervistare, attraverso questo sondaggio online,
    assolutamente anonimo, uomini e donne italiani sul tema “Padri”: possono rispondere anche le mamme!
    http://www.focus.it/padri/

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: