Marineo: prove di evacuazione a scuola

evacuazione scuola marineodi Lorena Sclafani

La Confraternita di Misericordia di Marineo insieme alla Direzione Didattica San Ciro, ha realizzato per il terzo anno di seguito un’attività di formazione ed evacuazione nelle scuole.

Nei giorni tra il 2 ed il 4 dicembre è stata effettuata la formazione con i bambini dai volontari della Misericordia, spiegandogli cosa sono il terremoto, l’incendio e l’alluvione, e come dovrebbero comportarsi in caso di pericolo e successivamente cosa fare dopo che sia terminato.  Il 6 dicembre è stata realizzata l’evacuazione dei  plessi San Ciro e Beccadelli, in cui,  dopo  il suono della campanella come avviso di pericolosità (nella fattispecie la simulazione ipotizzava un terremoto), i bambini hanno seguito le regole loro spiegate durante la formazione , mettendosi sotto il banco e in seguito al nuovo suono della campana, sono usciti in fila indiana, accompagnati dalle maestre. Nelle classi del “San Ciro” quelle del secondo piano sono scese dalla scala principale e si sono radunati a piazza Garfield Lodi, mentre quelle del primo piano sono uscite nel cortile, mentre nel plesso “Beccadelli”, sono uscite nel cortile d’ingresso il quale è anche il punto di raccolta dello stesso. Una volta fuori, i volontari della Misericordia, grazie all’indispensabile aiuto delle maestre, si sono occupati di radunare le classi e si sono accertarti che nell’edificio non fosse rimasto nessuno.

I bambini hanno partecipato molto attivamente sia alla formazione che alla simulazione dimostrandosi entusiasti e dimostrando concretamente di aver assimilato le norme di comportamento adeguate da utilizzare in caso di pericolo.

Al termine dell’evacuazione, i volontari della Misericordia si sono incontrati con la Preside della scuola, per discutere della criticità e delle possibili modifiche da effettuare, ma anche dei punti di forza.

Advertisements
Comments
One Response to “Marineo: prove di evacuazione a scuola”
  1. testo unico 81/08 aggiornato 2013 ha detto:

    Punto di criticità: se la prova di evacuazione è stata effettuata su simulazione di un terremoto quel punto di raccolta, che si vede nella foto, non è idoneo. I punti di raccolta si effettuano su ampi spazi aperti e non sotto il balcone di un edificio. In caso d’incendio nulla da obiettare

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: