Calcio Marineo: non arrendersi mai

Oratorio san ciro e giorgio 2013_2014

In una fredda e uggiosa giornata autunnale va di scena l’anticipo della sesta giornata del campionato di seconda categoria che vede opposti i ragazzi di mister Barbaccia al Pallavicino. Dopo il pareggio rimediato mercoledì in coppa per 2-2 sempre contro la formazione palermitana, in palio c’è una sorta di rivincita con, in palio, tre punti importanti. Gara giocata ad alti ritmi da entrambe le squadre dove da protagonista l’hanno fatta i portieri impegni per tutta la gara in diversi interventi importanti. La formazione schierata da mister Barbaccia è la seguente: Virga, Cutrona, Cangialosi, Monticelli in difesa, a centrocampo Roma, Cannella Antonino, Scrò Tommaso e Scrò G, E.Sclafani unica punta il capitano Ignazio Sclafani. La partita fin dall’inizio si dimostra molto veloce con diverse conclusioni in porta già nelle prime battute. Ma è al 23’ che si infiamma quando su un cross di un centrocampista della formazione locale, secondo l’arbitro, Domina Gabriele della sezione di Palermo, Pernice tocca con le mani: concesso il tiro dagli 11 metri con l’ammonizione dello stesso Pernice. Ma il numero 10 della formazione locale si fa ipnotizzare da Virga che indovina l’angolo e respinge il penalty con grande soddisfazione dei tifosi giunti numerosi nonostante il brutto tempo. Al 27’ arriva il gol dell’Oratorio: la firma è del capitano Ignazio Sclafani il quale sfrutta al massimo l’assist del fratello Emilio e con una conclusione di sinistro ben angolata batte l’estremo difensore di casa. Al 34’ il Pallavicino rimane in 10 per l’espulsione del numero 10 troppo nervoso, che, nel giro di 15 minuti si fa ammonire due volte concludendo anzitempo la gara e lasciando così i compagni in difficoltà. Sul finire della prima frazione si registra una ghiotta occasione per il raddoppio sui piedi del capitano Sclafani che calibra male il sinistro e conclude a fil di palo. La seconda frazione si apre con gli ospiti in avanti. Già al 2’ è Leonardo Pernice che, su un’ azione di contropiede, si trova a tu per tu col portiere ma anziché tirare pecca d’altruismo servendo il compagno vicino e facendosi intercettare il passaggio da un avversario. Inizia la girandola dei cambi: Pernice per Pellegrino, Cannella Antonino per Cannella Massimo e Scrò Giuseppe per Lisciandrello. Al 35’ la superiorità numerica viene annullata per l’espulsione di Roma che si fa ammonire nel giro di 6 min per ben due volte. Il Marineo subisce il colpo e al 36’ il Pallavicino pareggia i conti con una conclusione di destro sul primo palo che trova impreparato Virga. Nel finale c’è lo scatto d’orgoglio degli ospiti che, come un leone ferito, reagiscono e al 43’ riescono a riportarsi in vantaggio grazie al solito Ignazio Sclafani che manda in visibilio panchina e tifosi. Gli ultimi minuti sembrano interminabili: brivido finale su una punizione che viene per fortuna deviata da un buon Ciccio Virga. Dopo 5 minuti di recupero, l’Oratorio può festeggiare una vittoria di grinta e cuore. Nel finale di gara espulso Virga per proteste il quale si aggiunge alle altre due espulsioni di mister Barbaccia e Graziano (dalla panchina). Con questo risultato la formazione marinese si porta a 10 punti e aspetta di ricevere in casa nella prossima giornata l’Atletico Trappeto.

Il migliore in campo Emilio Sclafani – Una partita giocata con il grande sacrificio al servizio della squadra e non solo per l’assist, una grande lottatore.

SALE e PEPE IL COMMENTO di Tommaso Salerno

Dieci: un numero, tanti collegamenti. Non è un caso che, in occasione della partita in cui il Marineo raggiunga con dieci punti il terzo posto solitario in classifica, la prestazione che i ragazzi mettono in mostra nella difficile trasferta di Pallavicino può essere facilmente valutabile con un voto, indovinate quale?! Il dieci! Carattere, “attributi”, forza, orgoglio e determinazione hanno permesso ai marinesi di uscire dal “Lo Cicero” di Palermo con 3 punti con il quale continua quel trend positivo iniziato un mese fa. Trenta giorni di vittorie (3, escludendo il 2-2 di coppa) in cui la formazione di mister Barbaccia ha saputo realizzare, guarda caso, ben dieci reti, mandando a segno 5 giocatori diversi. Da voto diverso (non certo da dieci), il voto per il direttore di gara che concede un rigore inesistente per un presunto fallo di mano di Pernice e, dopo l’espulsione di un calciatore del Pallavicino (sembra fatto apposta, il dieci), caccia via Roma con due ammonizioni in…non ve lo dico nemmeno in quanti minuti, mister Barbaccia e Domenico Graziano dalla panchina e, al termine della gara, anche Virga che macchia una partita fino a quel punto veramente da dieci. Si conferma sempre più “bomber” Ignazio Sclafani che aggiunge un bel “+2” alla casella delle sue marcature stagionali trovando il quinto gol in due partite. Il Marineo è vivo; a Pallavicino, più che mai, ha dimostrato di essere sulla buona strada per diventare veramente una grande squadra. Avversari avvisati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: