Caro libri? on-line una pagina per favorire lo scambio dei libri usati

libri_di_testo_2013_14MARINEO WEBLOG, per l’anno scolastico 2013/2014, mette on-line una pagina  dedicata  allo scambio di libri usati per la scuola media, (scuola secondaria di primo grado) e la scuola superiore (scuola secondaria di secondo grado). Un servizio totalmente gratuito che viene offerto SENZA INTERMEDIARI. Sarete Voi stessi a inserire e/o cercare gli annunci per l’eventuale scambio.

Per ogni libro scrivete il titolo, l’autore e la casa editrice. Non dimenticate di inserire il vostro numero telefonico e la vostra e-mail per stabilire il contatto con chi è interessato al libro.  CLICCA PER ACCEDERE ALLA PAGINA.  il servizio rimarrà on-line fino al 30 novembre 2014

Quasi 500 euro per il corredo scolastico. Ogni famiglia spenderà circa il 2,4 per cento in più dell’anno scorso, a causa dell’aumento dei prezzi di zaini, borse e astucci. Restano invariati, invece, i costi di matite e quaderni.
Come sempre, in vista dell’apertura dell’anno scolastico, la Federconsumatori ha monitorato il costo dei materiali necessari agli alunni. La voce che pesa maggiormente sul budget per la scuola è certamente quella relativa ai libri di testo.
Uno studente di prima media spenderà, per i libri di testo più due vocabolari, ben 475 euro (il 5 per cento in più rispetto allo scorso anno). A queste spese vanno aggiunti 500 euro per il corredo scolastico e i ricambi durante l’intero anno, per un totale di 975 euro.
Un ragazzo di liceo spenderà, per i libri di testo più 4 dizionari, 787 euro (più 6 per cento rispetto all’anno scorso) e 500 euro per il corredo scolastico e i ricambi, per un totale di ben 1.287 euro.
Spese che incideranno notevolmente sui bilanci delle famiglie, soprattutto in un momento di crisi come quello che stiamo attraversando”, commenta Federconsumatori. “Per questo – dice- ministero ed enti locali dovrebbero potenziare le agevolazioni per l’acquisto dei libri destinate alle famiglie meno abbienti. Il ministero, inoltre, dovrebbe avviare controlli più severi sullo sforamento dei tetti di spesa che, soprattutto nei licei, vengono puntualmente superati”.
Secondo le associazioni dei consumatori, che invitano le famiglie a segnalare situazioni anomale, è indispensabile adottare misure concrete che consentano alle famiglie di risparmiare: incentivando al massimo l’editoria elettronica e rendendo disponibili in rete gli aggiornamenti per le nuove edizioni, senza obbligare ad acquistare un testo nuovo; e poi ampliando il prestito dei testi da parte delle scuole”.
Anche il Codacons ha fatto i suoi conti, e conferma un aumento del costo dei libri del 5 per cento.
“Una variazione superiore a tre volte quella prevista dal ministero”, commenta l’associazione. “Il vero problema – sottolinea – è il rischio stangata atteso a partire dal primo settembre, dato che hanno pensato bene di eliminare l’unica cosa positiva di questi ultimi anni, ossia l’articolo 5 del decreto, poi convertito in legge nel 2008, che obbligava le scuole ad adottare solo libri per i quali gli editori si erano impegnati a mantenere invariato il contenuto per un quinquennio”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: