Sport calcio: Marineo “congelato” è 0-0 al “Santa Barbara” di Cefalù

marineo vs cefalù 0-0

di Tommaso Salerno –

Dopo la sosta di carnevale si ritorna a fare sul serio; finito il tempo di “sfince” e macarene, l’Oratorio S. Ciro e Giorgio fa visita alla Pro Loco Sant’ Ambrogio per la seconda giornata di ritorno del campionato di terza categoria.

Padroni di casa che arrivano dal buon pari ottenuto a Vicari; marinesi che, invece, hanno affrontato la sosta con, alle spalle, la vittoria casalinga contro il Polizzi Generosa.

Mister Barbaccia deve fare i conti con l’assenza dell’influenzato G. Cangialosi e con numerosi giocatori non proprio al 100%; confermato Virga fra i pali, l’allenatore marinese manda in campo Bonanno, Roma, Spinella e Scarpulla a formare la linea difensiva (preferendo non rischiare Cutrona dal primo minuto), Cannella, T. Scrò e Alaimo a centrocampo, E. Sclafani e G. Scrò a supporto del capitano I. Sclafani.

Padroni di casa che, invece, scendono in campo con Gulino in porta, Drago, Lo Dico, Biondo, Coniglio, Giambelluca, Ippolito, Giardina, D’Avola, Castrovinci e Pernice.

A dirigere l’incontro è il signor Volpes della sezione di Palermo.

Le non ottimali condizioni del terreno di gioco e la temperatura fredda, accompagnata da qualche pioggia blanda e da folate di vento “ghiacciate” rendono il match ancor più impervio per entrambe le squadre.

Durante la prima frazione di gioco le formazioni si affrontano a viso aperto dando vita ad una partita maschia e molto combattuta; sono i padroni di casa a provarci con maggiore intensità: pressing alto e raddoppio di marcatura sono le chiavi di gioco della formazione di casa che limitano notevolmente i tentativi marinesi.

All’11 la Pro Loco Sant’Ambrogio  va vicina al vantaggio con un calcio di punizione di D’Avola che Virga toglie dalla porta in tuffo.

Verso la metà del primo tempo due episodi da moviola: G. Scrò da una parte e D’Avola dall’altra protestano per un calcio di rigore; in entrambi i casi per l’arbitro non ci sono gli estremi per il tiro dagli 11 metri.

Al 30’,  grana per i padroni di casa: Ippolito, dolorante, è costretto ad uscire; al suo  posto entra Di Fina.

Nel finale di tempo ancora pericolo per la porta di Virga: cross dalla destra del sub-entrato Di Fina, colpo di testa del capitano Giambelluca e parata dell’estremo difensore marinese.

Terminata la prima frazione di gara, mister Barbaccia decide di mischiare le carte in tavola: Scarpulla e Canella restano negli spogliatoi cedendo il posto a Lisciandrello e Cutrona.

Nella ripresa il copione è, però, sempre lo stesso: dopo appena 180 secondi Spinella si fa battere in velocità da Pernice che arriva nel vertice destro dell’area di rigore e conclude di destro in direzione del secondo palo, Virga si allunga e ribatte la conclusione velenosa.

Partita che procede, nervosamente, verso la metà del secondo; al 65’ il Marineo resta in 10: espulso Roma per fallo di reazione su un attaccante della Pro Loco Sant’Ambrogio. Partita che, per logica, dovrebbe farsi durissima per gli ospiti che, invece, reagiscono e cambiano marcia. Dopo una punizione pericolosa neutralizzata da Virga, la formazione marinese sfiora per 3 volte la rete del vantaggio con i fratelli Sclafani.

Al 82’ Emilio Sclafani prende palla sulla sinistra, rientra verso il vertice dell’area di rigore e calcia a giro di sinistro sfiorando il palo lontano; un giro di lancette più tardi è Ignazio Sclafani ad avere sui piedi, due volte, l’opportunità per l’1-0, trovando in entrambi i casi la pronta risposta di Gulino.

Nei minuti finali è la Pro Loco ad avere la chances del vantaggio con un neo-entrato, Fiorino, che, da fuori area, conclude di contro balzo: parabola insidiosa che si spegne sopra la traversa.

Dopo 3 minuti di recupero il signor Volpes decreta la fine di un match intenso e combattuto che si conclude a reti inviolate.

Padroni di casa che hanno messo in campo grande voglia di far bene e uno spirito guerriero e combattivo; la classifica, visto l’impegno profuso in questo match, sembra  bugiarda.

Marineo sulle gambe, svantaggiato anche dalle condizioni del terreno di gioco che ha limitato i più “tecnici” e capace di “svegliarsi” soltanto dopo l’espulsione di Roma. Partita sottotono per numerosi calciatori della formazione capolista che, cercherà di ritornare ai propri livelli nella prossima, insidiosa, trasferta in quel di Vicari, dove si cercherà di recuperare gli assenti e ritornare alla vittoria.

  • Migliori in campo “ORATORIO S. CIRO E GIORGIO”:

SPINELLA SALVATORE: Sostituisce nel migliore dei modi Cangialosi, giocando una partita da combattente e mostrando pochissime sbavature; sa dare grinta, tira su i compagni più in difficoltà, dimostrandosi sempre di più come uno dei leader di questa squadra; la sua assenza si farà sentire. Muro

VIRGA FRANCESCO: Ci ha stupito; non tanto per le belle parate che compie durante tutta la partita, quanto per l’atteggiamento mostrato in campo nei 90 minuti; in una partita così combattuta e nervosa, vista la sua “garra”, poteva essere uno dei primi a perdere la pazienza, invece, Francesco, ha dato grande dimostrazione di auto-controllo. Felino

  • Migliore in campo “PRO LOCO SANT’AMBROGIO”:

DI FINA DANILO: Parte dalla panchina, entrando “ a freddo” per l’infortunio accorso ad un compagno. Garantisce pressing, corsa sulla fascia e si mette in evidenza con cross pericolosi e qualche conclusione dalla distanza.

Tommaso Salerno

COMUNICATO UFFICIALE MARINEO WEBLOG

Marineo Weblog, composto da sempre da persone serie ed educate, rimane fedele alla decisione di estromettere da qualsiasi espressione del proprio operato notizie, eventi o quant’altro che possa ricondurre a fatti di scarso interesse sportivo; il nostro impegno, totalmente gratuito e disinteressato,  è quello di seguire e raccontare, nel limite delle nostre possibilità, con la massima oggettività e serietà, eventi sportivi che, soprattutto in queste categorie, dovrebbero essere momenti di gioia e felicità da condividere con tutti gli amanti del gioco del calcio e non solo. Utilizziamo insieme, cari lettori, questi momenti come momenti di unione e di fratellanza, nel rispetto reciproco e nella voglia di passare 90 minuti di svago e divertimento lontano dagli affanni e dalle preoccupazioni giornaliere, riflettendo sul fatto che ciò che avviene in campo, giusto o sbagliato che sia, resta lì; un brutto gesto, un fallo, un rimprovero, una stretta di mano e “amici come prima”. Viva il calcio, viva lo sport!

LA REDAZIONE Sportiva  (Pino, Tommaso, Carmelo, Marzia)

cefalù-marineo

 

Annunci
Comments
15 Responses to “Sport calcio: Marineo “congelato” è 0-0 al “Santa Barbara” di Cefalù”
  1. Salvatore Ragusa ha detto:

    La gara di domenica 17-02-2013 contro il S. Ambrogio Cefalu non è stata esaltante, interrotta di continuo, addebitabile sicuramente al comportamento della squadra locale per quasi un terzo della gara (e lo spettacolo ne ha risentito molto). Un plauso va al direttore di gara, che è intervenuto sempre tempestivamente per sedare qualsiasi tipo di rissa. Il punto preso a Cefalu è buono e fa muovere la classifica tenendo a distanza le avversarie. La nota positiva è che i ragazzi non sono caduti nella trappola della rissa e non si sono lasciati intimorire dagli avversari. BRAVI.

    Mi piace

    • Anonimo ha detto:

      rimango senza parole: all’andata siamo stati costretti a lasciare lo stadio di bolognetta per il comportamento da ……… e meglio non commentare dei tifosi, non parliamo di quello che è successo in campo. a Cefalù sugli spalti non e proprio successo niente, in campo dopo neanche due minuti il giocatore n. 2 del marineo insultava il alcune persone del pubblico, simulando lanci di oggetti che non c’erano e si buttava a terra sperando che ci cascava l’arbitro,

      Mi piace

    • Anonimo ha detto:

      dalle nostre parti serietà e correttezza in campo sono d’obbligo purtroppo che da tifosa non ho visto da parte della vostra squadra sia all’andata che al ritorno il non esaltante gara non è da attribuire alla squadra locale come voi dite per questo da tifosa chiederò di pubblicare il video dell’incontro mettendolo ai voti su facebook e possibilmente se fattibile mostrarlo alla lega per finire da noi il modo di giocare dei vostri ragazzi lo definiamo “ammazza cristiani”

      Mi piace

      • Giuseppe Taormina ha detto:

        la tifosa il commento lo ha scritto prima vedere il video della partita, che la contraddice in tutto e per tutto, prima di parlare di correttezza e serietà ASCOLTI BENE IL VIDEO.

        Mi piace

  2. Anonimo ha detto:

    MI scusi sig. Taormina lei che video di partita ha visto?? si è accorto che un giocatore del marineo con precisione il numero 4 ha bloccato un giocatore ed è caduto appena si è rialzato ha dato uno schiaffo al numero 10 della squadra avversaria? lei era presente alla partita di andata? i tifosi del marineo tra cui anche signore hanno costretto il pubblico della squadra avversaria di lasciare le tribune per insulti e minacce! E che nn si dica che nn è vero perchè le stesse persone hanno parlato con la dirigenza i quali prima si sono accertati della realtà dell’accaduto e poi scusati con il pubblico cefaludese!! Chi è stato maleducato?? Prima di scrivere informatevi!!

    Mi piace

    • Giuseppe Taormina ha detto:

      il giocatore in questione è stato giustamente punito come da regolamento sportivo. Mi faccia capire cosa voleva lei l’ergastolo oppure la fucilazione.

      Mi piace

  3. Anonimo ha detto:

    se per ascoltare intende quello che si sente sottofondo le preciso che veniva da parte dei tifosi ma che i nostri ragazzi non hanno ascoltato “altra regola che i nostri ragazzi si sono imposti non ascoltare mai quello che arriva dalla tribuna “lo riguardi bene lei il video ne sa niente di uno schiaffo dato dal vostro n4? a pallone si gioca con i piedi non con le mani immaggino conosca il detto “gioco di mani gioco da villano” un’altra cosa i nostri giocano prima di tutto perchè amano il calcio e lo fanno senza retribuzione m vedendo certe cose chiderò alla nostra rispettabile e onesta società di tesserare qualcuno dietro retribuzione da utilizzare solo perfare il gioco che fate voi

    Mi piace

  4. Anonimo ha detto:

    Mi scusi sig. Taormina ma lei che video ha visto? Ha notato che il numero 4 del marineo, dopo che il giocatore numero 10 della squadra locale si è alzato da terra ha dato uno schiaffo? Lei era presente alla partita di andata? Il pubblico di marineo formato anche da signore di una certa età ha insultato e minacciato il pubblico della squadra avversaria costringendola ad abbandonare le tribune! E che nn si dica che nn sia vero perchè è stata anche informata la dirigenza della squadra, uno è salito dove gli è stato riferito che non era vero, ma poi signori del pubblico sono scesi a parlare con il presidente della squadra il quale è stato costretto a chiedere scusa!! Poi non parliamo del comportamento dei giocatori in campo……VERGOGNA!!!

    Mi piace

    • Giuseppe Taormina ha detto:

      Le racconto anche quello che non si vede nel video cioè l’accoglienza da parte del VS pubblico che ha prima ha minacciato (non solo verbalmente) un dirigente del Marineo strattonandolo alle sbarre e poi ha anche “sputato” ad un calciatore della panchina, poi ancora ho visto una mamma che incitava il figlio alla “VENDETTA” dicendogli di “stoccare” le gambe al nostro n. 6. Vi dovete vergognare voi sopratutto alcuni adulti che anzicchè dare l’esempio nutre raggia e vendetta. ARGOMENTO CHIUSO

      Mi piace

  5. Anonimo ha detto:

    perchè nn compaiono gli ultimi commenti????

    Mi piace

    • Giuseppe Taormina ha detto:

      i commenti sono regolarmente pubblicarti, gentilmente se deve inviare altri commenti, rivolgendosi a me, gradirei che lo faccia dandomi la possibilità di scrivere anche io, gentile signora/e …………quindi la prego di lasciare l’indirizzo e mail per conferma grazie!

      Mi piace

  6. Anonimo ha detto:

    Prima di sputare veleno educate i vostri giocatori!!! Il loro nn è calcio pulito, sanno solo dare legnate….nella partita di andata ganno semplicemente massacrato le gambe ai giocatori. le regole del calcio è colpire la palla, nn le gambe!!! Hanno semplicemente risposto alla vostra accoglienza…il giocatore nn era nella panchina e poi per sua informazione il tifoso ed il giocatore si sono chiariti e chiesto scusa vicendevolmente…..Le consiglio anche di rivedere il video della partita di andata..!!!

    Mi piace

    • Giuseppe Taormina ha detto:

      Il suo modo di parlare non appartiene al nostro stile di vita, per l’educazione che i nostri GENITORI ci hanno trasmesso come valore primordiale nel rispetto della persona. Cmq per Lei, gentile signora o signore, è servita un’altra conferma delle menzogne e falsità che dice. SI GUARDI E ASCOLTI IL VIDEO DELL’ANDATA: UNA SIGNORA PARTITA PER LA GIOIA DI CHI L’HA VINTA E LA “RAGGIA” DI CHI L’HA PERSA.
      Ringrazio Cefalu.TV per la disponibilità del video.

      P.s. PUBBLICO MERAVIGLIOSAMENTE CIVILE ED EDUCATO

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: