Il messaggio del parroco di Marineo: “Il risveglio del Natale”

“Svegliati o tu che dormi, destati dai morti e Cristo ti illuminerà”. (Ef 5,14) Questo invito di San Paolo risuona in tutto il tempo dell’Avvento, tempo di preparazione al Natale, ma anche tempo di riflessione profonda sul senso della nostra vita che, in attesa dell’ultima venuta di Cristo alla fine dei tempi, è chiamata ad assumere alcuni atteggiamenti fondamentali in attesa del proprio Salvatore. Tra questi atteggiamenti la vigilanza del cuore assume una particolare importanza. Non si tratta di stare attenti soltanto a quanto accade attorno a noi, nel mondo, nella nostra famiglia, durante le nostre giornate, ma piuttosto di una attenzione del cuore, una vigilanza su quei movimenti del nostra interiorità dove si gioca l’autenticità del nostro rapporto con Dio. Svegliati o tu che dormi! Tale invito è rivolto a tutti coloro che dormono nel sonno del proprio egoismo, dell’indifferenza, a chi pensa di poter fare a meno di Dio, a chi nutre sentimenti di potenza e di onnipotenza. È un invito rivolto a tutti gli uomini che non si assumono le proprie responsabilità nei vari ambiti della società, in famiglia, nell’ambito lavorativo, scolastico, nell’impegno politico… Ma è soprattutto un invito rivolto ai “farisei” di tutti i tempi, a coloro che pensano di salvarsi solo perché ogni tanto o permanentemente, si ritrovano all’interno delle mura della Chiesa o perché appartenenti a un gruppo o a una confraternita. Svegliati o tu che dormi! È l’invito rivolto a me, a te, ad ogni uomo chiamato a risorgere dall’appiattimento della propria quotidianità, spesso segnata dalla sofferenza, dallo scoraggiamento, dal buio del non senso dovuto alla perdita dei valori e dalla mancanza di punti di riferimento.

La crisi di cui oggi si parla tanto non è solo quella economica, ma soprattutto di valori; crisi di amore, di pace, di solidarietà, di giustizia, di fede. Le luci colorate e guizzanti del periodo natalizio rendono apparentemente tutto più bello, ti fanno sognare, illuminando per un momento il buio dello smar rimento e poi… Solo il Signore, con la luce del suo amore, può rischiarare il buio della nostra vita, rimetterci in cammino e svegliarci dal torpore spirituale che distrugge la gioia e la speranza. …e Cristo ti illuminerà. Questo è il vero Natale, l’accoglienza di una persona: Gesù Cristo, una presenza importante e significativa per ognuno di noi. Un Bambino che nasce a Betlemme, avvolto in fasce e deposto in una mangiatoia. Un bambino indifeso dove si nasconde l’onnipotenza di Dio che ancora una volta visita il suo popolo nella sua grande bontà e misericordia. Andiamogli incontro, non perdiamo questa occasione, accogliamolo nel nostro cuore per risvegliarci a vita nuova. Auguri di un santo Natale. Il vostro parroco don Leo. -“La Rocca dic. 2011”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: